Ti presento Silvia Roggiani candidata alla guida del partito democratico

Con grande gioia ti comunico che Silvia Roggiani è candidata alla guida del Partito Democratico Metropolitano. È un momento che aspettavo e speravo da tanto tempo.
Ho conosciuto Silvia alcuni anni fa, non ricordo con precisione se durante le primarie nazionali del 2012, dove io ero impegnata nel Comitato prima per Laura Puppato poi per Pierluigi Bersani, o se l’anno dopo. Fatto sta che Silvia c’è sempre stata.
Con passione e dedizione è stata l’anima di Bella Ciao Milano, insieme a tantissimi altri giovani ha dato vita ad uno dei momenti più belli della storia del nostro partito. Silvia è riuscita a tenere insieme giovani e non giovani, uomini e donne, di diversi circoli, età, esperienze di vita, e l’ha sempre fatto con la delicatezza e la gentilezza che la contraddistinguono.
Con lei, da alcuni anni, ho seguito il percorso per arrivare alle recenti elezioni della Conferenza della Donne Democratiche ed ho potuto vedere e constatare la sua grande capacità di ascoltare e di mediareovvero la sua grande capacità di fare politica, districandosi nelle complessità del nostro partito.
E tutto questo senza mai perdere la sua grande sensibilità e umanità, Silvia mi ha teso la mano durante uno dei momenti più difficili della mia vita, la mia campagna elettorale, un momento dove a molti candidati sarà capitato di esser lasciati soli da chi credevano amici e al contempo di aver trovato rifugio fra persone che non avrebbe mai immaginato.
L’umanità e l’altruismo sono qualità rare in politica. Io credo siano fondamentali per capire i bisogni delle persone, fondamentali per cogliere i disagi ed aiutare i più deboli.

Merita tutto il nostro sostegno perché solo con lei il Partito Democratico di Milano sarà in buone mani, solo con lei i giovani saranno valorizzati (così come ha fatto fino ad oggi), solo con lei i circoli saranno ascoltati, solo con lei le donne troveranno finalmente una casa. Silvia conosce bene il territorio e il Partito, Silvia conosce e rispetta le persone nella loro complessità, Silvia è speciale, ed io non finirò mai di ringraziarla per aver messo a disposizione di tutti noi le sue grandi doti e qualità.

Ti invito a conoscerla! Vieni questa sera per un incontro informale presso il suo Comitato Elettoraleche si trova in via G.B. Pergolesi 15 dalle ore 19.00.

Evento MilAnimal 19-20 ottobre

Ci tengo ad invitarvi a una due giorni tutta all’insegna degli Animali. Tantissimi gli esperti e le associazioni che insieme a me e ai miei colleghi Simonetta e D’Amico e Carlo Monguzzi affronteranno il bellissimo tema degli Animali, dall’adozione consapevole al Regolamento Comunale, dal maltrattamento alla pet therapy. Non mancate!

Elezione Coordinatrice Donne Democratiche: una bellissima vittoria!

Ora vorrei aggiornarti su una partita che come ben sai ho seguito a fondo, ovvero quella dell’elezione della nuova Coordinatrice delle Donne Democratiche e la sua Assemblea. Con grande gioia ti comunico che ha vinto Gaia Romani e della sua lista oltre a me siamo state elette per l’Assemblea in 25 candidate, ovvero:

Alessandra Kustermann, Sara Valmaggi, Emilia De Biasi, Elena Carta, Ada Lucia De Cesaris, Rosa Palone, Anna Gallo, Fabiola Sorrenti, Rosy Cinefra, Mina Facchi, Morena Lucà, Rita Vergani, Laura Bonfadini, Carla Ceccarelli, Daniela Barone, Patrizia Bartolomeo, Nadira Haraigue, Vania Gardinazzi, Delia Giubeli, Monica Bernanasca, Giulia Pelucchi, Silvia De Dea, Erica Boiano e Annalisa Cordella.

Inutile dirti la gioia e la commozione al termine dello spoglio, ci ho creduto veramente e con tutta me stessa, perché oltre a credere molto in Gaia e nella nostra squadra credo molto nell’importanza di rilanciare il nostro partito iniziando proprio dalle Donne e quindi iniziando a costituire una forte Conferenza delle Donne Democratiche!

So bene che questo non basta a colmare il gap di rappresentanza femminile nelle Istituzioni e negli organi politici, ecco perché spero vivamente che nelle prossime elezioni congressuali (metropolitane, regionali, nazionali) scendano in campo anche le donne. Le donne possono arricchire i dibattiti politici, portare l’attenzione su tematiche troppo spesso sottovalutate (la medicina di genere, la conciliazione lavoro famiglia, il lavoro, la violenza e così via), le donne possono portare un nuovo stile di leadership di cui io personalmente sento molto la mancanza. Dalle donne potrebbe iniziare un nuovo modo di vivere la politica, con tempi diversi, con modalità diverse. Ma affinché tutto questo accada è necessario scendere in campo, scendere in campo comunque vada la partita, senza pensare “non scendo perché perdo”, bisogna scendere e iniziare a crederci.

Inaugurazione Centro Diurno Disabili – via Cilea

Vorrei condividere con te un altro momento veramente importante per me ma soprattutto per la città di Milano tutta: l’inaugurazione di altro Centro Diurno Disabili, questa volta in via Cilea e questa volta con una particolarità, in questo spazio si potranno anchesperimentare dei periodi di vita autonoma.

All’inaugurazione oltre agli Assessori Piefrancesco Majorino e Gabriele Rabaiotti ha partecipato il nostro Sindaco Beppe Sala.

Questo spazio è stato fortemente voluto da molti genitori della zona, in particolare da Michele Procopio, una persona meravigliosa, un uomo dallo sguardo profondo, dolce e determinato, che con pazienza e costanza è riuscito a far realizzare anche questo progetto. Grazie Michele per tutto quello che fai. Noi giovani e noi politici dobbiamo sempre prendere esempio da te! La tua forza sta nella gentilezza e nell’amore con cui ci chiedi di occuparci della disabilità. E io spero ogni giorno di essere all’altezza delle tue aspettative e speranze. Grazie Michele!

Conferenza Donne Democratiche

Vorrei parlarti della Conferenza Metropolitana delle Donne Democratiche un organo di cui seguo i lavori da tanti anni e che il 15 ottobre rinnoverà la Coordinatrice della Conferenza e l’Assemblea.
Ho sempre pensato che questo organismo dovesse essere un luogo inclusivo e dinamico. Ho sempre sperato che alla sua guida arrivasse una donna determinatache lo rendesse il luogo ideale del confronto fra donne (e non dello scontro), e che da qui nascessero le idee da portare all’attenzione del Partito Democratico nel suo complesso. L’agenda del nostro Partito deve essere dettata anche dalla Donne e indirizzata sulle tematiche che affliggono di più le donne, a partire dal secolare problema della violenza di generefino ad arrivare alla salute di genere passando per le discriminazioni nel mercato del lavoro, senza dimenticare la conciliazione lavoro e famiglia o la sotto rappresentazione delle donne in politica.
Ecco perché ho deciso di sostenere ed aiutare Gaia Romani, giovane amministratrice del Municipio 8 con la quale ho avuto modo di collaborare più volte sui temi legati alle politiche sociali. Gaia ha unito intorno a sé tante donne che l’hanno aiutata a scrivere il suo programma, donne che io stimo molto come Alessandra Kustermann ed Emilia De Biasi.
Se hai voglia di incontrarla, ci sarò anche io domenica alla presentazione del programma alle ore 21 in via Tortona 12 – MM Porta Genova. Ecco qui la locandina dell’evento:

Sostengo Gaia perché credo molto in lei, ha lo sguardo fiero ed attento, un animo gentile e sensibile, e come sai quando chiedo il tuo sostegno per una persona è perché me lo dice il cuore.
Un grande e sincero in bocca al lupo all’altra candidata Valeria Borgese, consapevoli che dopo il voto si lavorerà tutte unite.

Inaugurazione Centro Diurno Disabili di via Anfossi

Sono davvero felice di condividere con te un’esperienza bellissima che ho vissuto ieri: l’inaugurazione del Centro Diurno Disabili che si trova in via Anfossi insieme con l’Assessore alle Politiche Sociali Pierfrancesco Majorino.

Devi sapere che la costruzione di questo Centro è iniziata nel lontano 1986 su richiesta delle famiglie della zona e purtroppo, a causa di numerose ditte di costruzione fallite, il progetto non è mai stato portato a termine. La notte prima dell’inaugurazione ho pensato a lungo su quello che avrei potuto dire alle famiglie. Pensavo al fatto che il loro sogno era cominciato quando io nascevo, un sogno figlio di in un’altra epoca, c’erano ancora la Guerra Fredda e il Muro di Berlino, ed io mi sentivo stringere il cuore all’idea di tutte le sofferenzeche avevano passato per vedere coronato il loro sogno, chissà quante volte avevano sentito dirsi che sarebbe mancato poco, che questa
sarebbe stata la volta buona. Sognavano solo una casa diurna per i loro figli, dove le persone disabili svolgono decine di attività seguiti dall’amore degli educatori e di tutto il personale.

Quando ho preso la parola durante l’inaugurazione ho visto tanti volti segnati dell’età, capelli grigi ed occhi lucidi, erano occhi lucidi colmi di gioia, avrei voluto stringerli uno ad uno, chiedere loro scusa per quello che hanno passato, sedermi al loro fianco ed ascoltare la storia di ognuno, ho sentito che ancora una volta avevano loro da raccontare qualcosa a me più che io a loro. Ho cercato comunque di rassicurarli, non sono soli, la Commissione Politiche Sociali ci sarà sempree ho detto loro che ho un altro grande sognoentro la fine del mio mandato, inaugurare una Casa dove le persone disabili possano sperimentare la vita autonoma, e spero vivamente che in questo progetto la Consulta della Disabilità possa lavorare al mio fianco e ovviamente a quello dell’Assessorato per realizzare un bellissimo progetto di inclusione abitativa.